protagonisti & ospiti


Tommaso Bonaventura

Tommaso Bonaventura (Roma 1969) laureato in Lettere si dedica alla fotografia dal 1992. Suoi lavori sono apparsi sulle maggiori testate internazionali e hanno ricevuto diversi premi tra i quali World Press Photo, Sony Award, Premio Ponchielli. Nel 2005 pubblica “Le vie della fede” ed.Gribaudo dedicato ai grandi pellegrinaggi del cristianesimo in Europa. Dal 2006 vive in Cina per alcuni anni, producendo diversi progetti tra cui “Beijing in and out”, “Real Woman Photo Shop” e “If I Were Mao”.
Suoi lavori sono esposti in diversi festival e musei tra cui Paris Photo, PAC, NoorDeerlicht Photofestival, Supermarket Art Fair, Zephir, Triennale Bovisa, Officine Fotografiche. Dal 2011 al 2015 lavora al progetto “Corpi di Reato, un’archeologia visiva dei fenomeni mafiosi nell’italia contemporanea.” il cui estratto “Immediate Surroundings” viene selezionato ed esposto alla Biennale di Architettura di Venezia 2014 e dal 2016 fa parte della collezione permanente del MAXXI, Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Roma. Nel 2017 invitato a Fotografia Europea espone il progetto Fondo.

Overlay

Overlay

Overlay

Fulvio Bugani


Nato a Bologna nel 1974, Fulvio Bugani è un fotografo professionista freelance specializzato in reportage socioculturali.
Collabora con diverse riviste, ONG e associazioni, ed è docente di fotografia e relatore in seminari sui diritti umani.
Ha un legame attivo con Amnesty International per la quale ha sostenuto diverse campagne presentando alcuni suoi lavori in Italia e all'estero. Per Medici Senza Frontiere ha realizzato un reportage sociale sul campo profughi di Bubukwanga, in Congo-Uganda. Il lavoro commissionato da MSF è stato presentato ed esposto anche a Cuba presso l’Istituto Internazionale di Giornalismo “Josè Martì”.
I suoi lavori sono stati pubblicati su diversi Magazine internazionali tra i quali TIME lightBox, The Guardian, LFI – Leica Fotografie International e Cubadebate.

Ha ricevuto svariati riconoscimenti internazionali tra i quali spiccano: il World Press Photo 2015, il più importante premio internazionale per il fotogiornalismo, e il prestigioso Leica Oskar Barnack 2016, di cui è stato finalista con il suo progetto "Soul” y Sombras. Dal 2017 è uno dei 3 Leica Ambassador a livello mondiale per la nuova Leica M10.
E’ iscritto all’Associazione Italiana dei fotografi professionisti (TAU Visual) e al National Press Photographers Association (NPPA). A Bologna ha fondato nel 1999 il suo studio fotografico IMAGE.
Ha progetti aperti in Georgia, Indonesia, Istanbul e Cuba.

Giulio di Sturco

Giulio Di Sturco è un fotografo italiano che vive tra Londra e Bangkok, con oltre 15 anni di esperienza lavorativa a livello internazionale come fotografo professionista; Attualmente lavora principalmente in Asia e in Europa.
Due volte vincitore del World Press Photo Awards, Sony World Photo Awards e del British Journal of Photography e di altri premi e riconoscimenti Internazionali.
Giulio continua a spingere i confini della fotografia documentaria raffinando continuamente la sua estetica ed espandendo il suo vocabolario visivo attraverso nuovi e vecchi supporti fotografici.
Gran parte del suo lavoro personale si concentra sulle avversità umane in un clima di evoluzione ambientale e tecnologica. Giulio Di Sturco è attualmente rappresentato da INSTITUTE

Angelo Turetta


Turetta inizia fotografando l’avanguardia teatrale degli anni 70-80. Dal 1982 collabora con Contrasto, lavorando come ritrattista di scrittori, musicisti, artisti e come reporter seguendo specifici temi sociali di attualità nazionale e internazionale con una costante particolare attenzione alla città di Roma. La realizzazione di servizi come fotografo di scena lo ha portando a realizzare un ampio affresco sul cinema italiano, lavoro con cui ha vinto nel 2001 il primo premio (Art Section) del World Press Photo.

Per il Roccasecca Foto Festival Turetta curerà una presentazione su cinema e fotografia.

Imma Vitelli

imma vitelli

Imma Vitelli è una corrispondente di Vanity Fair Italia dal 2006.
Si è occupata dell'invasione israeliana del Libano meridionale, ha realizzato numerosi reportage sui conflitti in Afghanistan, Pakistan, Iraq, Somalia, Congo, Siria, Libia e molti altri paesi. Quest'anno ha ottenuto un accesso speciale nella Corea del Nord, eseguendo reportage direttamente dalla capitale Pyongyang. È autrice di "Tahrir", un libro sulle manifestazioni del Cairo che hanno portato alle dimissioni del presidente Hosny Mubarak.
Nata a Matera ha conseguito il Master in Giornalismo presso la Columbia University di New York. Dopo aver trascorso 10 anni tra Cairo e Beirut, attualmente vive a Roma